In questo sito appare una selezione di blogspot gia' apparsi sul mio blog personale
prima del 9 Aprile 2008, data di apertura di questo blog.

Da allora in poi, ne e' una replica fedele.


Mie foto su Flickriver

kilpoldir - View my most interesting photos on Flickriver

venerdì 17 marzo 2017

Presagi di primavera



Le gemme più coraggiose si affacciano dai rami
Il sole basso contende alla nebbia i campi
Diffondendo ingannevoli presagi di primavera


domenica 12 febbraio 2017

Alma Mater


  • Hai letto che un'illustre rappresentanza del Gotha universitario si è lamentata pubblicamente che gli studenti non sanno scrivere in italiano?
  • Giustamente! Perdono la speranza di poterlo imparare, almeno da adulti, dai loro studenti nel costruttivo dialogo educativo che coltivano assiduamente.
  • Non ci avevo pensato. Mi veniva in mente, invece, quel famoso dialogo fra due universitari che si incontrano ad un elegante cocktail fra di loro, te lo ricordi?
  • No, com'era?
  • Il primo dice al suo illustre collega accademico:"Ho letto il tuo ultimo libro, non male. Chi te l'ha scritto?"; e il famoso barone gli risponde: "Questo l'ho scritto io, ma a te chi l'ha letto?".
  • Spiritosi, però!
  • Naturalmente, il dialogo è inventato da un ghostwriter che ci campa sull' ignoranza dei propri datori di lavoro: baroni e baroncini.
  • Mi fai ricordare che al liceo io avevo sempre otto in greco perché sapevo l'inglese.
  • Spiegami un po' il concetto che mi risulta piuttosto ghiaioso da digerire al volo.
  • Il mio professore di greco, che stava arrampicandosi nella carriera universitaria, aveva bisogno di pubblicazioni e non trovava niente di più comodo che saccheggiare riviste in inglese ma, purtroppo, non sapeva questa lingua e quindi affidava a me il compito di portargli gli articoli in traduzione.
  • Ma poi, almeno le pubblicazioni destinate a rimpinzare il suo carnet universitario se le scriveva da solo in buon italiano, immagino.
  • Ma vuoi scherzare, a quello pensava una mia compagna di scuola, un tipo ingambissima, piccolina con dei begli occhi azzurri, che gli ha costruito la carriera e, per non perdere la mano, s'è inventata anche quella di suo marito, che poi è diventato professore universitario, a sua volta.
  • E lei?
  • Ha insegnato tutta la vita al liceo e allevato due bambine molto sveglie che erano compagne di scuola dei miei figli.
  • Allora, non ha mai raggiunto il suo livello di incompetenza secondo il Peter Principle...
  • ... e meno male, ti sembra?

lunedì 6 febbraio 2017

Un simil-omero


Untitled Document
 
  • " Anche il sommo centauro Chirone
    quando aveva freddo si metteva il maglione"
  • Impareggiabile saggezza dei nostri avi. Cosa sarebbe un simil-omero o giù di lì?
  • Non so, a me lo diceva mia madre quando arrivavano i primi freddi
  • Poetica, tua madre, la mia diceva solo "Copriti che è arrivato il freddo"
  • Sintetica e liberale: ti lasciava scegliere fra maglioni, felpe, giacche e cos'altro c'era ai nostri tempi?
  • Il pile non c'era ancora, quando eravamo bambini e neanche il nylon, il goretex e tutte le altre fibre fanatstiche inventate dai chimici.
  • Però c'erano il fustagno, la pelle di diavolo, la flanella...
  • ... grigia chiara per i calzoni che arrivavano al ginocchio. Hai nostalgia di quell'epoca di flanella grigia e giacche blu coi bottoni d'oro?
  • Neanche per sogno. In quarta ginnasio prima di andare a scuola di pomeriggio in grigio e blu vomitavo l'anima.
  • Ti trovavi proprio bene, allora. Ma perchè andavi a scuola di pomeriggio?
  • Perché in pieno centro di Roma dove si trovava il liceo classico storico più famoso d'Italia, un palazzinaro aveva ottenuto la licenza per costruire un palazzo di non so quanti piani sopra e sotto il livello stradale, provocando lesioni gravi alla scuola e la chiusura di un'intera ala. Facevamo i doppi turni, insomma, nelle aule sopravvissute.
  • Aveva scavato garages fin sotto la scuola?
  • Quasi. Aveva scavato una voragine enorme, ma, soprattutto, usava disinvoltamente la tecnica del battipalo per costruire pilastri di cemento ancora più profondi a fondamento del palazzone.
  • A Roma i palazzinari ne hanno sempre fatte di tutti colori. Tu come lo vedi Nerone? Per me è il più disinvolto e sfacciato di tutti. Per costrursi la Domus aurea ha dato fuoco a mezza città.
  • Non tutti gli storici sarebbero d'accordo con te, ma mi sembra una sintesi accettabile dei fatti. Che il fuoco gli abbia poi preso la mano e se ne sia andato in giro oltre i suoi desideri mi sembra un dettaglio trascurabile.
  • Infatti. Com'è il detto: "Non scerzare col fuoco"? Tua madre aveva un distico omericheggiante anche per il fuoco?
  • No, non mi sembra. Quando mio padre ed io davamo fuoco ai rotolini di carta da aranci, ci lasciava fare tranquillaqmente.
  • Mi ero dimenticato di quel gioco di fine cena. Era bello vederli decollare verso il soffito, quando non si accasciavano miseramente fra le bucce.
  • C'erano delle veline più propense al volo di altre. Prima di accenderle con un fiammifero Minerva, che mio padere teneva in tasca con le sigarette, cercavamo di predire il successo del volo esaminado per bene la carta e le scritte, a volte troppo inchiostrate e pesanti.
  • Sì, soprattutto i tratti scuri deformavano e indebolivano le cartine. Anche i "minerva" sono spariti. Qualche anno fa, li ho chiesti ad un giovane tabaccaio che mi ha guardato come se gli avessi chiesto un acciarino da pirata dei sette mari.
  • Chissà con che diavoleria accenderanno la pipa fra cent'anni? Intanto spostati un po' sopravvento e fammi da scudo, per piacere, che io me l'accendo con questo fantastico accendino a gas.

sabato 14 gennaio 2017

Viaggio in Spagna nel 1954

VIAGGIO IN ISPAGNA NEL 1954


Questo post non è che l'introduzione ad un lungo manoscritto di mia madre che ricorda un Viaggio in Spagna nel 1954 che si può leggere così come l'ho trovato e trascritto (integralmente, senza alcuna modifica) in formato elettronico. Per leggerlo clicca qui o più sopra su "Viaggio...".
Riordinando una libreria dedicata a libri, scritti, disegni che erano stati nella casa dei miei a Roma, fra le altre cose dimenticate o mai viste e lette si è fatto notare un bloc-notes a quadretti, occupato quasi per intero dagli appunti su di un viaggio in auto che mio padre, mia madre ed io bambino facemmo in Ispagna nell'agosto del 1954.
All'epoca la Spagna era ancora soggetta alla dittatura franchista, mia madre era una trentenne colta e con tendenze artistiche, appassionata di letteratura spagnola.
Le note devono essere state manoscritte poco dopo il ritorno a Roma alla fine del viaggio e, facendo due conti a memoria, riguardano solo 4 o 5 giorni di un viaggio molto più lungo attraverso Italia, Francia e Spagna, iniziato e terminato a Roma.
Nelle note si parla, infatti, solo del tratto San Sebastiano-Madrid e si finisce con un'istantanea della Plaza de Toros della capitale, mentre attendevamo l'inizio della prima corrida della nostra vita. Del resto del viaggio, fino all'Andalucia e del ritorno lungo la costa del mediterraneo spagnolo e francese, nulla.
Le ultime pagine del notes, scritte a Bologna a distanza di 4 anni nel 1958, riguardano la corrida: uno dei temi più amati da mia madre, ripreso anche in numerosissimi disegni, uno dei quali riproduco qui sopra.

venerdì 6 gennaio 2017

Colonnetta liberty

Colonnetta liberty

Oggi rientrando a casa da una lunga passeggiata a piedi, con qualche sorpresa ho rilevato una colonnetta, di quelle che ospitano schede e cavi dei gestori telefonici, elegantemente ridipinta da un pittore di strada che sa il fatto suo.
Spesso, questi manufatti di ferro pitturati di grigio sono deturpati da sigle di writer da strapazzo che inquinano mezza città e di cui pare impossibile liberarsi.
Quando, invece, un vero pittore regala alla città una sua piccola opera senza pretesa, ma di ottimo gusto, è veramente una piacevole sorpresa e vale la pena di fermarsi ad ammirarla come si fa con i quadri nelle gallerie.
"Ce ne fossero!" si dice dalle nostre parti. Mi piacerebbe trovare altre opere della stessa pittrice che si firma Valeria La Corte. Chissà se ha trovato spazi accoglienti per altri suoi dipinti?
Nella mia fotografia che accompagna questo scritto c'è la colonnetta di cui sto parlando: un bell'esempio di Liberty da strada al quale darò un occhiata volentieri passandoci accanto nel rincasare.
Chi la volesse trovare sappia che è in via Siepelunga, vicina al numero 45 a Bologna.

mercoledì 21 dicembre 2016

Pipe giganti



Oggi, finalmente, dopo un mesto periodo di tovaglie a quadretti, nella trattoria che frequentiamo a pranzo a metà settimana sono tornate le tovaglie chiare.
Da quando le vecchie tovaglie bianche plasticate erano state sostituite, non mi ero più azzardato a disegnarci sopra le solite pipe con le quali riempio, da tutta una vita, gli spazi bianchi dei fogli A4 che infestano le attività in cui mi sono trovato coinvolto.
Oggi, ottenuto il permesso pieno e cordiale dal padrone e quello più difficile della moglie che teme un danno dell'inchiostro alle sottotovaglie, ho potuto finalmente liberare la mia vis pictorica lungamente repressa, disegnando tre grandi pipe nel centro del tavolo.
Non so fare altro, ma quelle sono perfette.
Una pipa curva disegnata con un sol tratto è la mia sfragis: il sigillo che uso in coda ai messaggi di posta elettronica e ovunque possa liberarmi dall'obbligo burocratico di una firma ufficiale anagrafica.
Raramente, però, capita l'occasione di potermi scatenare nelle dimensioni e la presenza di un tavolo ancora sparecchiato è più unica che rara.
I muri delle case altrui io li rispetto e non mi sognerei mai di andare in giro a sbombolettare pipe sulle case della città, come fanno i writer più sgangherati.
Nel constatare che non ho perso la mano, a dispetto della lunga astinenza, mi è tornato in mente l'aneddoto del calligrafo coreano, raccontato in un libro di quel paese, di cui non ricordo quasi niente altro.
Nel mio ricordo, un giovane viene ammesso alla bottega di un celebre maestro pittore e calligrafo che, impietosamente, gli impone periodicamente un esame: deve riprodurre alla perfezione un carattere pittografico, soltanto allora sarà libero di lasciare la bottega-scuola. L'allievo s'impegna con tutte le sue notevoli capacità nell'impresa di accontentare il maestro, diventa, a sua volta un celebre pittore, ma, anno dopo anno, al ripetersi dell'esame, non riesce mai ad ottenere l'approvazione del suo padrone e continua a rimanere a bottega per trent'anni, finchè il decrepito maestro, finalmente, riconosce che il carattere è perfetto. Libero dall'incubo, il non più giovane allievo, si libera del maestro nel modo più definitivo: lo ammazza.
Italo Calvino, nelle "Lezioni americane" cita un aneddoto cinese abbastanza simile. In conclusione di quella sulla rapidità scrive:"Tra le molte virtù di Chuang-Tzu c'era l'abilità nel disegno. Il re gli chiese il disegno d'un granchio. Chuang-Tzu disse che aveva bisogno di cinque anni di tempo e d'una villa con dodici servitori. Dopo cinque anni il disegno non era ancora cominciato. “Ho bisogno di altri cinque anni” disse Chuang-Tzu. Il re glieli accordò. Allo scadere dei dieci anni, Chuang-Tzu prese il pennello e in un istante, con un solo gesto, disegnò un granchio,il più perfetto granchio che si fosse mai visto."
Le mie pipe sulla tovaglia non saranno pari al granchio di Chuang-Tzu, anche se ho impiegato ben più di dieci anni a perfezionarle, ma chissà cosa sarei stato capace di fare, se avessi avuto un re come committente.
Ho scattato la foto del dignitario coreano durante la mostra "Ancient portraits from Korea"
tenutasi a Bologna nelle sale del museo medioevale nell'Aprile 2009.

All you can eat






"... e tint in meint, che Noster Sgnor l'è smuntè da caval per tirer sù una brisa" (... e ricordati che Nostro Signore smontò da cavallo per raccogliere una briciola di pane"). Questo monito della mia tata quando ero piccolo mi è rimasto in mente per tutta la vita e ha condizionato il mio comportamento a tavola: mai riempire il piatto con più cibo di quanto non sia in grado di mangiare. In altre parole: "Non lasciare nulla nel piatto o nel bicchiere. Mai".
L'ammonimento, mi torna in mente spesso quando al ristorante vedo lasciare bicchieri mezzi pieni di birra o cocacola e metà del cibo ordinato e non solo da giovanissimi, nati in un'epoca di falsa opulenza.
Lo spreco mi sorprende e m'infastidisce ancora di più, quando lo noto in adulti che dovrebbero sapersi regolare. Forse per questo, mi ha incuriosito quando in un ristorante giapponese, aperto da poco vicino a casa, ho notato sul fondo del menu una riga in grassetto che ammoniva a non lasciare piatti mezzi pieni, pena il loro conteggio a prezzo pieno nel conto finale.
Come sarebbe?
Il mistero si chiarisce studiando il resto del menu. Si tratta di uno di quei posti ALL YOU CAN EAT (mangia fino a crepare), pensati per appetiti giovanilistici e per ingordi di tutte l'età che ad un prezzo fisso modesto offrono una grande varietà di portate, ordinabili senza limiti... ma guai a chi lascia una briciola.
Che si sia trovato un modo nuovo per educare i ragazzi a non buttare via niente?
Non lo so.
Le poche volte che ci sono andato ho notato ragazzi e ragazze che non smettevano mai di mangiare sfilze di cincischietti di riso bollito e pesce crudo con nomi e forme esotiche, serviti ben allineati come soldatini giapponesi in eleganti piatti da portata, o mini-tavolini di legno o addirittura barchette, anch'esse di legno.
A queste ultime non ho saputo resistere. La volta successiva mi sono fatto portare una barca anche io. Sfortunatamente, conteneva un numero irragionevole di bocconcini di riso e pesce dalle forme varie, ma dal sapore e dalla consistenza troppo simili, per i miei gusti.
A stento sono riuscito a svuotarla senza patire la doppia onta di contravvenire ai principi etici marcati a fuoco nell'anima dalla mia tata e alla regola dell'occhiuto avvoltoio giappo, pronto a punire la mia ingordigia con un conto salato.
Giuro che non lo farò più. Se proprio vorrò vedere di nuovo una bella barchetta sul tavolo, provvederò prima ad invitare una di quelle esili giovanottine senza fondo che popolano i tavoli vicini.
A quanto ho visto, sono insaziabili come un secchio bucato.


martedì 20 dicembre 2016

Il bagno d'aria

Il bagno d'aria



Passare due settimane in un reparto geriatrico non è uno di quegli spassi che ci si augura capitino spesso, ma se proprio capita, non si può fare a meno di guardarsi intorno e cercare qualche motivo di distrazione, se non proprio di divertimento.
I quattro compagni di stanza sembrerebbero, a colpo d'occhio, i primi da cui ricavare qualche motivo di conversazione, a patto che non siano immobili nel proprio letto con una maschera di ossigeno o, addirittura, con il sondino per l'alimentazione artificiale che impedisce tutto, fuorché una sopravvivenza stentata. E' chiaro che in quelle condizioni è meglio evitare inutili tentativi di attaccare discorso e ci si accorge in fretta che è imperativo, invece, distogliere lo sguardo dai compagni di avventura e non certo per motivi di privacy, perché questa è la sola condizione che non esiste, in assoluto.
Dopo qualche tempo, durante le lunghe ore di solitudine, sembra non rimanga altro che leggere anche di notte dal tablet retroilluminato un avvincente romanzo investigativo o infilarsi le cuffiette e lasciarsi rapire da qualche brillante conferenza di filosofia di Maurizio Ferraris -il re dell'understatement ironico- o del filologo Luciano Canfora: insondabile pozzo di sapere.
Naturalmente, prima di poter benedire San Youtube che ce le scodella sempre pronte ad ogni ora, bisogna essere riusciti a sconfiggere l'ostilità della rete Wi-Fi dell'ospedale che, con la scusa di essere ancora in fase sperimentale da almeno tre anni, è amichevole quanto i puzzle di Turandot: ” Gli enigmi sono tre; la morte è una “
La rete "areAOSPiti" del Sant'Orsola non è una rete-per-vecchi, decisamente (e neanche per giovani), anche se, alla fine, è stato uno strumento prezioso e di gran lunga il più efficace per far passare il tempo.
La vera e la sola "ora d'aria" però, è stata quella delle graditissime visite dei miei cari, di grande sostegno e molto presenti, anche per una intelligente politica del reparto sugli orari di visita.
Indispensabile, però, al loro arrivo allontanarsi subito dalla stanza, infestata da badanti e parenti altrui, e rifugiarsi su di un divanetto in una saletta di ricevimento o nei grandi corridoi di accesso e raccordo fra i vari reparti. L'attrattiva di questi non-luoghi deriva dalla presenza di personale ospedaliero e di visitatori, insomma di gente a piede libero, non ricoverata e costretta a rientrare nella stanza alla fine dell'intervallo.
Le ore più belle sono state proprio quelle passate a chiacchierare scherzosamente con moglie e figli, ma l'episodio più memorabile è accaduto nella stanza, durante una pausa fra le attività frenetiche delle infermiere, intente a preparare i pazienti allo show del mattino: la rituale visita del drappello di medici e caposala, in coda al primario o, meno pomposamente, in sua assenza.
Uscendo dal bagno per tornare a letto in una bella mattina invernale, guardando verso il finestrone che inondava di sole l'interno, non potei evitare di soffermarmi su di un paziente, solitamente irrequieto e rumoroso, che lasciava penzolare le gambe aperte dalle sponde del letto. Era completamente nudo e stava finendo di arrotolare meticolosamente, come fosse uno spago da riporre nel cassetto di cucina, il tubicino della flebo, dopo essersi liberato anche del catetere. Aveva l'aria beata e soddisfatta di chi ha compiuto l'opera sua e si gode un meritato bagno d'aria e di luce, prima che infermiere e badanti lo scoprano e arrivino a rompere l'incantesimo.

domenica 18 dicembre 2016

...e lui se la dice


E lui se la dice e se la canta il sapientone
disprezzando qualsiasi altra opinione
ma un vantaggio ce l'ha il cuorcontento
nessuno può distoglierlo dal suo intento
consolidare con successo la sua opinione


venerdì 16 dicembre 2016

Il Natale

Il Natale

Anche quest'anno sta per tornare il Natale
Non dico che in questo ci sia niente di male
Se non fosse per la finta allegria obbligata
Mentre fede speranza e carità ormai se n'è andata
Lasciandosi dietro il vuoto di una città illuminata

La mia foto riprende il portico di via Farini a Bologna durante il Natale 2009 

giovedì 15 dicembre 2016

La filosofia

La filosofia

La filosofia è come il fumo della minestra
Non l'acchiappi con la sinistra né con la destra
È un piatto riservato ai veri intenditori
Che vedono il dentro guardando solo il fuori
Niente pappa né ciccia ma fama e grandi onori

Il disegno è di Escher


domenica 11 dicembre 2016

Sant Alò

Sant Alò


Sant Alò che prima morì e poi si ammalò
Anche se davvero in natura non si può
Senza capirlo non ne ho mai dubitato
Perché è la mia nonna che me l'ha raccontato
E dubitare dei nonni sarebbe proprio un peccato

Petrus ChristusSant'Eligio (Sant Alò) nella bottega di un oreficeNew YorkMetropolitan Museum of Art

Etichette

statistiche