In questo sito appare una selezione di blogspot gia' apparsi sul mio blog personale
prima del 9 Aprile 2008, data di apertura di questo blog.

Da allora in poi, ne e' una replica fedele.


Mie foto su Flickriver

kilpoldir - View my most interesting photos on Flickriver

giovedì 3 aprile 2014

Multe salate a chi paga il biglietto



Camminare  mi piace, mi è sempre piaciuto. Anche correre in campagna mi piaceva, ma per questa abitudine, più saltuaria e impegnativa, è definitivamente passata la stagione. Soltanto durante l’estate cammino poco. D’estate vado in bici, solo in bici potrei dire. Quando arriva il caldo, o una delle nipotine che vivono a Parigi, ci trasferiamo nella nostra casa in un piccolo paese sulla riva dell’Adriatico, il mare nostrissimum, dove la bicicletta è il solo mezzo di trasporto sensato e piacevole. Il resto dell’anno, se posso, mi muovo a piedi, sia quando sono a Bologna, mia residenza preferita, sia quando sono a Parigi, dove trascorro qualche tempo per stare in affettuosa compagnia delle mie nipotine e dei loro genitori. I mezzi di trasporto pubblici li uso poco, molto poco, ma quando mi servono non posso evitare di notare la grande differenza fra quelli bolognesi e quelli parigini.
A Parigi sugli autobus si sale solo dalla porta davanti, uno alla volta e si esibisce all’autista il proprio abbonamento o si compra da lui il biglietto. Tu gli dai le monetine e lui ti da un biglietto a validità oraria e il resto, se occorre. Nessuno sale da altre porte e senza esibire o comprare il biglietto che occorre per usufruire di un servizio che è pubblico, ma non gratuito.
A Bologna in teoria le cose sono molto simili. Si deve salire solo dalle porte abilitate e si deve timbrare un tesserino da dieci corse o comprare un biglietto orario singolo da un’apposita macchinetta senza alcun coinvolgimento dell’autista che non deve controllare neppure gli abbonamenti.  In teoria, quindi, la sola differenza sta nell’aver sostituito l’autista, nella funzione di timbrare o vendere il biglietto, con un piccolo marchingegno, senza alcuna capacità di  verifica o controllo sulla correttezza dei viaggiatori.
autobus

Il risultato è che moltissimi salgono (anche dalle porte abilitate alla sola discesa) e scendono senza pagare il biglietto, nella totale indifferenza dell’autista che, come il famoso viandante, “guarda e passa”.
Il fenomeno, incoraggiato dalla scarsissima probabilità di essere multati dai pochissimi controllori, è talmente vistoso da lasciare a bocca aperta i pochi volontari che, come me, si ostinano a comprare il biglietto, con un evidente spirito di trasgressione, quasi di ribellione sociale.
Forse un giorno non lontano l’amministrazione comunale e la società dei trasporti uniranno virtuosamente i loro sforzi e istituiranno un occhiuto corpo di polizia speciale, per sgominare i pochissimi ribaldi che si ostineranno a pagare il biglietto con sfrontato atto di ribellione civica.

Archivio blog

Etichette

statistiche